Messaggio
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo sito web usa cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito web, ci accordi la possibilità di inviare questi tipi di cookies sul tuo apparato.

    Vedi i documenti relativi alla DIrettiva EU e-Privacy

News 24 settembre 2013

Oggetto: News 24 settembre 2013
Data invio: 2013-09-24 06:01:29
Invio #: 129
Contenuto:
intestazione

hauss      logo_ferleo       tartana         regate_nel_golfo_sm   


 

 

 

 

UN CAMPIONATO MOLTO GIOVANILE, ANCHE NELLO SPIRITO

Terza puntata. Che giornate.

 

Tornando alle avventure dell’incursore 2…………..

Dal campo tavole, sentito che stava vagando un pisello, al contro start si va in fibrillazione e, seppure nessun pisello sia mai arrivato in campo, l’aspiratutto modello RAV(enni) viene nominato “uomo del pisello”.

La nomina è stata ufficializzata per radio sul canale di regata con approvazione del Comitato.

Un capitolo tutto da scrivere per una nomina non casuale.

Nel piazzale della colonia un grido squarcia il silenzio al momento del rientro delle imbarcazioni “La canna è mia e le barche le lavo io”: come impazziti, l’Ammiraglio e l’Incursore 2 si erano impossessati delle canne per lavare le barche, forse ingelositi dal gommone dell’Armand.

Dalla segreteria si affacciano e con molta karma fanno “hom hom hom”.

I giorni scorrono allegri e finalmente arrivano due perle che speriamo andranno definitivamente ad aggiungersi alla già preziosa collana.

Lui spezino, ma naturalizzato maremmano, lei maremmana purosangue.

Si presentano nel migliore dei modi come facevano i colonizzatori, portando doni e leccornie di ogni genere.

Siamo gente semplice e soprattutto sensibile alla soppressata.

Se ci mettessero a scelta tra una serata tetè a tetè (per dirla alla francese, ormai di moda) e una bella mangiata in compagnia, non avremmo dubbi a scegliere la seconda.

Non c’è stato bisogno di dirselo e in effetti sono stati subito accolti con fragorosi applausi.

In quell’occasione abbiamo scoperto che buon sangue non mente e Aspiratutto RAV(enni) si è moltiplicato in due esemplari famelici, RAVE-J e RAVE-JJ.

RAVE-J alla vista di una fetta di salame ha aperto gli occhi e spalancato la bocca mostrandoci le fauci. Neppure il miglior Presidente avrebbe potuto ingollare con tanta velocità una fetta di salame grande come un frisbies.

Pensate che RAVE-J è talmente avanti che invece di chiedere il telefonino per la promozione ha chiesto l’ape furgonato, motivandolo in questo modo: “con il telefonino posso chattare e conoscere, ma poi? Con l’ape furgonato invece posso ospitare”

Insomma un ragazzo pratico se non avesse il difetto di mangiare più del Presidente.

A quel tavolo c’era sempre anche un’altra presenza che sta allevandosi bene. Trovatosi bene il primo giorno, nei seguenti era il primo ad arrivare. Di poche parole ma di grande partecipazione per BJ (le iniziali EB, da non confondere con EB del babbo).

Anche lui posizionatosi al suo posto, ha confessato che non si alzava per non far cadere la panca in bilico.

Questi ragazzi ne sanno una più del diavolo!!

Anche Max, Leonardo (il saltapicchio sui gommoni ormeggiati) ed Enrico il taxista, dopo un primo giorno titubante, si sono affacciati con discrezione ma decisione al desco, con l'onnipresente Francesco ad onorare e controllare il rispetto del patto con il Presidente.

In mare, intanto, si aggira invece un posaboe con tanto di ombrellone su gommone ambientale ricco di leccornie locali, con il capo equipaggio costretto alla Birra del Nostromo in piena fase di sperimentazione.

 

Per il successo dei Campionati, ringraziamo

Larri e Cristina per la barca e la cambusa e perché sono stati bene e gli è piaciuto il tutto e pensano (ahi loro) di entrare nella compagnia

Il Ravenni 1° e 2° e 3° per la capacità di emulare le tramogge, a tavole, a prescindere (come direbbe Giulio) dall'età

Tutta la banda degli Under 15 che hanno rintronato Armando ed Ettore (non che ve ne sia bisogno), portato allegria e perfino lavorato (per la gioia di molti genitori ospiti)

Sergio Agresti per aver avuto a bordo un altro Ettore (Parigi) e non averlo messo a mare pensando che fosse il Chirici

Mauro Merlini “Merlot” per aver tenuto fede al motto della Coop Bellavita (“W la Tavola”) ed aver fatto bene su quel campo (ovviamente, la Coop si riferisce ad un'altra tavola)

Il Gambero per aver portato il proprio aplomb sul Campo Laser, come Ezio agli Optimist, il Merlo alle Tavole e l'inossidabile e sempre giovane Mario Francalanci in Comitato.

Carlo e Claudia Tosi perché ci hanno risolto diversi problemi e dato un supporto tecnico e di amicizia non da poco

Cataldo per la dotta lezione tecnico storica sul canale 70 vhf

Bubino per le lezioni sul GPS a Bubu che ringraziamo per l'ombrellone a protezione di Alberto che ringraziamo per il vino, per non aver inquietato Carlo nel mettere le boe e per averci aiutato lunedì con “Linea Blu”

Riccardo Spanu per lo sprazzo di luce, eleganza ed i molti marchi portati sul campo di regata

Massimo Pettini …., no, è lui che deve ringraziare noi per averlo autorizzato a schizzare via verso Carbonifera con un potente gommone (famosa la frase: “chi porta questo gommone a Carbonifera?” e, dopo uno sguardo al mezzo, in un batter di ciglio ha battuto tutti, “IO !”)

Mimmo Rizzi ed Ezio Barbaro come equipaggio più anziano, candido, tra le nuvole, distaccato, ma pronto alla bisogna (Mimmo alla gru, Ezio a tavola)

Andrea Genangeli e Simone Rossi primi laseristi che vengono a dare una mano alle regate e scoprono che è un po' complicato organizzarle

Manrico Martellacci che in quella bolgia aveva ogni giorno un paio di cose da precisare e contestare

Il gruppo Bianciardi (terra, segreteria, mare) con Elia (BJ) che ci ha onorato di ben 4 parole al giorno

Roberto Prearo per l'equilibrio idrodinamico dato al gozzo di Pompilio

Claudio Del Rio perché nonostante il particolare momento della sua vita ha sopportato le sue bandiere messe in confusione

Giulio Agostini “a prescindere” (è una storia lunga, leggere Pergola su Marina di Grosseto) e per essere tornato tra noi comuni perdendo un calamento boe

Il Gazzarri per aver rinunciato a venire con il Classe A ed aver optato per il gommone

Stefano Sabatini per l'eleganza dei suoi riccioli che su un campo di regata fanno sempre la loro porca figura

Filippo Frassinetti per aver sopportato l'esclusione rimanendo a darci una mano

 

 

 

NON RISPONDERE A QUESTA MAIL
per eventuali comunicazioni info@gvlnifollonica.it 

 

Powered by Joobi