Messaggio
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo sito web usa cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito web, ci accordi la possibilità di inviare questi tipi di cookies sul tuo apparato.

    Vedi i documenti relativi alla DIrettiva EU e-Privacy

News 18 Ottobre 20111

Oggetto: News 18 Ottobre 20111
Data invio: 2011-10-18 12:36:39
Invio #: 38
Contenuto:
intestazione



 

Da Follonica a Salvador de Bahia passando da La Rochelle

Diario di bordo VII° puntata

 

Il rilevamento di questa mattina, ore 10, fa presumere che nella notta i primi della flotta entrino nell'Arcipelago di Capo Verde.

Nella notte, ancora rivoluzione in classifica (categoria "Serie, quella che più ci interessa per la presenza di Simone Gesi). Il francese Gahnet è adesso il leader provvisorio. Dopo averne goduto i vantaggi, chi si è spinto ad Est ha subito un forte rallentamento. Tra questi, l'italiana Beyer che dall'11° è scivolata al 21° posto.

L'instabilità del vento (direzione NNE poi NE) si è fatta sentire nel senso che dalla serata di ieri è stato in netto calo, con ampie zone decisamente di calma.

Simone Gesi naviga adesso in 25° a poco più di 60 miglia dal primo, ma, quel che più conta, con una media elevata nelle ultime 4 ore e decismante buona nelle 24. E' collocato al centro della flotta (appena spostato ad ovest) e fin qui questa rotta gli permette di sopportare bene le variazioni nella direzione del vento.

Le previsioni danno sempre direzione NNE, con possibilità di Nord nel pomeriggio ed intensità in aumento.

Il passaggio di Capo Verde (ultima terraferma prima del salto in Brasile) si presenta delicato, sia per l'ovvia questione di come passare l'Arcipelago, sia per le particolari condizioni meteo (bonacce alternate a venti di intensità moderata). Da stanotte cominceremo a comprendere chi ha avuto l'approccio migliore, se coloro che hanno navigato più verso ovest e chi, invece, più centrale, come Simone Gesi.

Si allunga purtroppo la lista degli italiani ritirati: dopo Caracci e Rossetti (alberatura), anche il ventunenne bravissimo Giacomo Sabatini è stato costretto ad abbandonare la Transat per la grave avaria al timone (conseguenza di un urto con un corpo semissomerso - il tentativo di riparazione non è andato a buon fine).

Sergio Frattaruolo chiude la flotta, ma a lui il merito di insistere, pur se ormai staccatissimo, dopo l'avaria alla pila a combustibile e, quindi, all'impianto elettrico (riparazione avvenuta a Tenerife).

Nei "Prototipi", Maurizio Gallo è 29°

 

Saluti, Ettore

 

1
.

Powered By Joobi