Messaggio
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo sito web usa cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito web, ci accordi la possibilità di inviare questi tipi di cookies sul tuo apparato.

    Vedi i documenti relativi alla DIrettiva EU e-Privacy

News 16 novembre 2011

Oggetto: News 16 novembre 2011
Data invio: 2011-11-16 07:13:45
Invio #: 50
Contenuto:
intestazione



 

Resoconto Assemblea Soci dell'11/11/2011.

 

L'Assemblea è stata convocata per mettere a conoscenza i Soci e poter avere un confronto nel merito delle ipotesi di interventi sulla nautica che il Comune di Follonica sta affrontando.

 

Il 20 ottobre, durante il Convegno sulla nautico promosso dal Comune, sono state ipotizzate alcune soluzioni tese a sviluppare strutture di servizio ed in particolare posti barca.

Senza voler entrare nel merito di tutte le proposte, occorre comunque considerare alcuni dati di fatto che, al contrario, sono pesantemente sottovalutati da molti:

  • l'impegno di Regione, Provincia e Comune per gli interventi contro l'erosione costiera ed a sostegno della balneazione e dunque, la necessità che vi sia assoluta coerenza di proposte per la nautica e questa priorità è assunta ormai da tantissimi anni nei programmi di governo locale;
  • negli orientamenti per l'individuazione di siti portuali, la Regione ormai esclude quelli localizzati su spiagge dedicate alla balneazione;
  • nel pensare interventi importanti, è necessario ricordare che negli anni si è consolidato e sviluppato un tessuto urbano che difficilmente può sopportare interventi pesanti di trasformazione, soprattutto se non collegati alle questioni della viabilità, dei parcheggi , alla qualità urbana.

 

Fatte queste premesse, in passato ci siamo opposti alla realizzazione di una darsena in prossimità della nostra area perché la precedente Amministrazione escludeva interventi di protezione a mare di fronte al nostro tratto di costa, per l'insufficienza dello studio sulla sostenibilità ambientale e per i rischi di forte penalizzazione della nostra attività.

Noi abbiamo sempre pensato, e lo facciamo anche adesso, che per far crescere il nostro Circolo e l'embrione di polo nautico che già siamo con Protemare (gestione approdo nel Fosso Cervia) sia assolutamente necessario realizzare la protezione del tratto di costa dal nostro canale di lancio a tutta la foce del Cervia (con un progetto inserito nell'obiettivo di protezione contro l'erosione costiera). Questo intervento è necessario per garantire sicurezza ai natanti, ma anche per consentirci di ampliare la stagione sportiva e rendere sempre usufruibile il Cervia con assoluta tranquillità.

Riguardo le opere contro l'erosione costiera, abbiamo più volte informato il Comune e la Provincia sulla necessità di garantire uscita e rientro delle barche in tutta tranquillità, con un'apertura ampia. Nell'occasione, abbiamo sollevato anche la questione della protezione (riduzione del moto ondoso e dell'insabbiamento) del nostro canale di lancio e della foce del Cervia.

E' in corso la progettazione delle barriere soffolte e di altre forme di salvaguardia della costa dal Giolfo del Sole a Torre Mozza.

Proprio oggi ci siamo incontrati con l'Assessore provinciale Pianigiani, il Sindaco e l'Assessore al Mare, presente il nostro socio Luigi Cacialli, Presidente della Commissione Urbanistica. L'incontro è stato positivo perché il rappresentate provinciale ha indicato la possibilità di prolungare i pennelli della foce del Cervia fino alla batimetrica di 2,5 metri, di poterli orientare più a SE o NO e, infine, ma importantissimo, ha preso l'impegno di verificare la realizzazione di una barriera di riduzione del moto ondoso dal confine con il Boschetto a qualche decina di metri oltre il pennello di destra del Cervia, lasciando due uscite laterali (utilizzabili alternativamente, secondo la direzione del vento).

A questo incontro, ne seguirà uno con il prof. Aminti (consulente sia della Provincia, sia del Comune) e successivamente saremo coinvolti nell'esame del progetto preliminare di questi interventi e, se del caso, nella presentazione di eventuali ulteriori osservazioni.

Tutto ciò, se opportunamente realizzato, sarebbe un passo avanti notevole per il miglioramento della situazione di questo polo nautico.

Inoltre, abbiamo già avuto primi contatti informali ed a breve è programmato un incontro con l'Associazione Balneari di Follonica al fine di armonizzare le reciproche esigenze. Da parte loro la disponibilità è già stata avanzata e questo ci aiuterebbe verso l'obiettivo.

Dobbiamo riprendere e sostenere lo sviluppo del polo nautico nella nostra area finalizzato all'ampliamento delle aree e dei servizi per lo sport, la scuola vela (derive), la dotazione di servizi per la nautica carrellabile, la sistemazione del Cervia e dei relativi ormeggi.

Questo è ciò che ci preme e sul quale abbiamo sviluppato rapporti con le altre associazioni nautiche.

Compatibilmente con la necessità di sviluppo delle attività esistenti, gli aspetti ambientali e quelli urbanistici, non esprimiamo alcuna posizione pregiudiziale ad ulteriori proposte di sviluppo della nautica.

Non siamo noi ad aver riproposto l'ipotesi di una darsena (dimensioni ridotte rispetto alle previsioni originarie del Comune) e di aree per un piccolo porto a secco, con i relativi servizi. Non siamo noi a porci in modo pregiudiziale.

Se e quando sarà risolto il tema della protezione a mare, siamo disponibili a confrontarci con qualsiasi proposta interessante le zone a noi attigue, alle seguenti condizioni:

  • vi siano evidenti benefici per la nostra attività;
  • vi sia il coinvolgimento di tutte le associazioni nautiche;
  • non siano previsti interventi costruttivi al di fuori di servizi per la nautica;
  • siano affrontate le soluzioni costruttive, impiantistiche e gestionali agli evidenti problemi ambientali

Data l'importanza delle questioni, sull'eventuale intervento nelle aree a noi attigue, il Consiglio porterà nuovamente la discussione nell'Assemblea dei Soci e sarà questa ad ufficializzare la posizione del Circolo.

Tutto ciò non modifica la decisione di procedere alla progettazione della riorganizzazione della Sede del Circolo che, entro fine anno, sarà oggetto di una specifica Assemblea.

Nel corso dell'Assemblea, introdotta dal Presidente, hanno preso la parola Stefano Cantini, Fausto Meciani, David Fantini, Antonio Mocciola, Alessandro Spinicci, Mauro Merlini, Domenico Rizzi, Luigi Cacialli, Andrea Pistolesi.

 

1