Messaggio
  • Direttiva EU e-Privacy

    Questo sito web usa cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito web, ci accordi la possibilità di inviare questi tipi di cookies sul tuo apparato.

    Vedi i documenti relativi alla DIrettiva EU e-Privacy

Comunicato ai soci del 12-10-2018

Oggetto: Comunicato ai soci del 12-10-2018
Data invio: 2018-10-12 17:36:52
Invio #: 1
Contenuto:

 

intestazione


sales bonetti hauss regate_nel_golfo_sm

COMUNICAZIONE RISERVATA AI SOLI SOCI DEL GRUPPO VELA LNI FOLLONICA

Questa mail è inviata da un servizio automatico si prega di NON RISPONDERE A QUESTA MAIL (non premere il tasto rispondi sul tuo programma o visualizzatore di posta elettronica) 

per eventuali comunicazioni info@gvlnifollonica.it


 

Gentile [FIRSTNAME] [NAME],

ho ritenuto opportuno per debita informazione, inviare questa e-mail a tutti i soci per illustrare e condividere anche con gli assenti, la relazione esposta durante la riunione di fine mandato dell'attuale consiglio direttivo, svoltasi presso la sede sociale il giorno 8 settembre u.s.

Ti informo peraltro che il CD, in ottemperanza al regolamento per l'elezione delle cariche sociali ha, nominato la commissione elettorale composta dai soci Mauro Merlini (presidiente), Fiorella Marchini e Fausto Meciani (membri).

La commissione è già al lavoro con il compito: "...di individuare  tra  gli  Associati  stessi quelli  disposti  ad  accettare  cariche  sociali, di raccogliere eventuali autocandidature,  di  organizzare  e  gestire  le  elezioni,  di  verificare  gli  aventi diritto di voto, di scrutinare le schede di votazione, di proclamare gli eletti per la copertura dei membri del CD e del collegio dei controllori. "

Sarà mia cura tenerti informato e comunicarti la data dell'assemblea elettiva.

Ti invito quindi alla lettura della relazione posta qui di seguito.


 

RELAZIONE ALL'ASSEMBLEA ANNUALE SOCI DEL G.V. L.N.I. FOLLONICA

 

Follonica 8 settembre 2018

 

Premessa: questa relazione che ho scritto nei giorni scorsi, è stata condivisa dai consiglieri presenti al Consiglio del 7/9/2018; è scritta i prima persona ma è di tutto il CD.

Notizia non nuova ma importante: Il CONI ci ha insignito della STELLA D’ARGENTO AL MERITO SPORTIVO; per questa onorificenza vanno ringraziati tutti i consiglieri che si sono succeduti negli ultimi mandati, gli allenatori, gli atleti, i giudici  e i soci che si sono sempre impegnati per sede, manifestazioni, accoglienza, senza il loro contributo non avremmo potuto raggiungere questo risultato.

Un ringraziamento particolare: è quello che si meritano coloro che hanno organizzato la Cena Sociale: le cuoche e i cuochi, le cameriere e i camerieri, le “apparecchiatrici” e gli “apparecchiatori”, le animatrici e gli animatori, le “dolciaie” e i “dolciai” , i manovali tutti.
Ci avete fatto passare una bellissima serata, una cena ottima.
E poi un altro dato non scontato: risultato economico importante e sopra le aspettative. GRAZIE

Il CD è in scadenza ed è cosa giusta, prima della convocazione dell’assemblea elettiva, fare un breve consuntivo di quello che è successo in questi quattro anni e delle problematiche da affrontare in futuro.

Innanzitutto un ringraziamento non formale ai componenti del CD che con dedizione hanno portato avanti compiti non sempre semplici che richiedevano impegno e costanza e qualche volta anche grandi dosi di pazienza affinché i rapporti dialettici, anche se alcune volte “caldi”, rimanessero sempre nei giusti ambiti e caratterizzati da un unico obbiettivo: il bene del Circolo.  Posso assicurare che è sempre stato così.

La mia prima relazione a inizio mandato iniziava con l’elenco delle cose positive e per poi passare a quelle meno brillanti o meglio in attesa di soluzioni. Anche in questa relazione voglio fare uguale ma anche evidenziare aspetti che hanno necessità di risposte e stimolare i soci a mettersi a disposizione per rispondere alle necessità del Circolo, sia per quanto riguarda idee sia per le cose anche più pratiche.

Voglio fare una carrellata di quelle che sono gli argomenti affrontati dal CD, evidenziando sia criticità sia aspetti positivi, sia problemi che dovranno essere affrontati dal nuovo consiglio.

  1. Rinnovo concessione Casello:

E’ la cosa che su cui abbiamo lavorato continuativamente dall’inizio del mandato. Ci siamo mossi con gli amministratori locali per sapere finalmente chi fosse l’Ente di riferimento dell’immobile e dell’area. Una volta definito questo ci siamo mossi verso l’Agenzia Regionale del Demanio dello Stato per vedere di rinnovare la concessione a condizioni che non fossero “di capestro” sia per canoni che per durata. Abbiamo chiesto supporto di professionisti, amministratori, Lega Navale Italiana, ma ad oggi non è stato raggiunto un punto fermo. Il rischio che incombe è quello che ci venga conteggiato un canone tale che difficilmente potremmo sostenere.
Nel frattempo proseguiamo nelle opere di manutenzione ordinaria, riuscendo a contenere i costi solo grazie all’opera volontaria di alcuni soci che prestano la loro opera per lavori anche impegnativi di muratura, idraulica e altro.
  1. Concessione della spiaggia:

E’ uscito il bando che prevede assegnazione della spiaggia per attività nautiche, stazionamento imbarcazioni a vela.
Sono previsti strutture ombreggianti (non ombrelloni, dimensione min 20 mq) per un max del 10% della superficie  concessionata.
Ho portato all’attenzione del CD se presentare o meno domanda di concessione, visto le implicazioni del bando e le previsioni del Regolamento Urbanistico. La valutazione è stata unanime: partecipare per non dare la possibilità ad altri di aggiudicarsi la concessione e sperare poi in modifiche a noi più favorevoli.
Abbiamo dato incarico ad un professionista per preparare documentazione per il bando. Deve essere chiaro già da ora ai soci che sulla spiaggia concessa non è data possibilità di piazzare ombrelloni.


Altre questioni da affrontare

  1. Gestione del Circolo.

Se pensiamo di proseguire così come abbiamo fatto negli ultimi anni, è necessario darsi una migliore e maggiore strutturazione operativa.

  • Segreteria – Attualmente è incaricata una persona che è presente due ore due volte a settimana. Si occupa delle registrazioni contabili del circolo, è il front-end dei soci per quote e altre problematica, raccoglie domande di adesioni nuovi soci, fornisce informazioni a chi le richiede, in parte gestisce iscrizioni alla scuola vela.
  • Segretaria – Gestisce dal punto di vista burocratico la scuola vela tradizionale (compreso gestione campus), Forestale e campi delle scuole(iscrizioni, controllo documentazione, iscrizioni alla FIV); Si occupa: della parte contrattualistica e delle scadenze delle assicurazioni;  della parte contrattualistica e del rispetto delle condizioni di telefonia, gas, luce; delle scadenze di bolli e collaudi dei mezzi; si interfaccia con il commercialista per normative circolo, ristoro e collaboratori; inoltre si interfaccia con la FIV e la zona per gli aspetti burocratici e contabili (rimborsi ecc.). Legge quasi quotidianamente la posta e la smista a chi di competenza. Segue la parte contrattualistica con la banca ed effettua tutti i pagamenti. Si interfaccia con gestori ristoro per scadenze e pagamenti; si occupa anche della distribuzione e rendicontazione dell’abbigliamento. Bastano i titoli per rendersi conto della mole di lavoro che deve affrontare questa figura. Sono tante, anzi troppe, anche in considerando che chi svolge questa attività lo fa in modo del tutto volontario  sobbarcandosi anche le proprie spese di viaggio.

Credo che in futuro si debba pensare ad una persona “non volontaria” che si occupi di tutte o molte di queste cose, sapendo che c’è anche da occuparsi di altre scadenze: sicurezza, antincendio, collaudi ecc..

  1. Nostromo.

Le esigenze dei soci e le attività sportive che vengono svolte richiedono la presenza e l’impegno sempre maggiore del nostromo. Cinque corsi di due settimane di scuola vela estiva, tre o quattro turni scuola campus Forestale, corsi a scuole superiori, tre squadre che si allenano, lezioni private: queste sono attività che richiedono presenza prima, durante e dopo le uscite in mare. Si aggiungono lavori per piccola manutenzione e controllo dei mezzi, taglio erba, operazioni di pronto intervento (stasature varie, riordino spazi sotto le tettoie, disciplina dei posti barca). Le cose sono troppe anche per un leone come Pompilio. Se lo vogliamo con noi ancora per molti anni, dobbiamo pensare ad un aiuto per lui, garantendo così maggiore presenza e interventi di manutenzione ordinaria programmati.

Le risposte a questi due punti, secondo me, sono priorità gestionali che il prossimo CD dovrà affrontare appena insediato ed è per questo che ho voluto metterle in testa a questa relazione.

  1. Bilancio:

I dati del bilancio economico sono soddisfacenti. In questi quattro anni abbiamo rispettato ciò che ci eravamo promessi e sicuramente riusciremo a chiudere il 2018 con un discreto margine che ci permetterà nel breve periodo, di coprire l’aumento di spese per la concessione del Casello se finalmente si arriverà ad una stipula. Quello dell’aumento considerevole (potrebbe trattarsi di una unità di misura) è stato il motivo per cui le spese da sostenere e gli investimenti sono sempre stati fatti con oculatezza (come dico io) o con il braccino corto (come dice qualcun altro).

(Diamo atto ad alcuni soci dei lavori fatti negli ultimi due anni, tutti in economia con manodopera solo volontaria escluso lavori strutturali sul parte della copertura della ex-chiesina). I dati di dettaglio dell’ultimo esercizio naturalmente non ci sono, ma il tesoriere può illustrare la tendenza ricavi/spese.

Una cosa certa è che indicheremo al prossimo consiglio di aumentare le quote posto barca in quanto dopo verifiche e’ stata aumentata significativamente la TARI facendoci pagare anche quota per spazi in cui sono stallate le barche.

  1. Manifestazioni sportive.

Finalmente siamo tornati ad organizzare “in casa”, anche con il contributo dei circoli vicini, CNF e CNS, manifestazioni importanti: l’anno scorso Campionato Italiano F18 e quest’anno Campionato Italiano a squadre Optimist. Abbiamo lavorato molto per raggiungere questi traguardi, in particolare quello di quest’anno ed è stato un grande investimento che speriamo dia i sui frutti.

Abbiamo presentato candidature per CICO 2020 e Campionato Italiano Doppi per il 2019 (difficilmente sarà accolta).

  1. Risultati sportivi e squadre agonistiche:

Riuscire a sostituire una figura come Simone Gesi non sembrava cosa semplice quando nel 2016 ha interrotto la collaborazione con il Gruppo Vela. Tale compito è stato brillantemente ricoperto da Lorenzo Leoni che non ha tradito le aspettative e ogni anno è riuscito a migliorarsi come tecnico e come formatore per i più giovani istruttori ed aiutanti.

Attualmente abbiamo 16 iscritti al gruppo agonistico Laser (4.7, Radial , Standard), 4 al gruppo agonistico Optimist (3 cadetti e 1 Juniores) e partirà il nuovo gruppo pre-agonistico optimist con altrettanti partecipanti.

Lorenzo Leoni gestisce l'organizzazione agonistica di tutti i gruppi (calendario regate e allenamenti, gestione mezzi nautici e terrestri per le trasferte), coadiuvato da Lorenzo Cacialli ed Elena Scardina.

Al servizio dei nostri agonisti il circolo ha messo a disposizone oltre ai 2 furgoni già presenti 2 carrelli stradali (uno nuovo) nuovamente attrezzati  per i trasporto di imbarcazioni che ci permettono di affrontare anche eventuali sovrapposizioni di trasferte dei due gruppi.

A livello zonale i risultati sono ottimi, mentre a livello nazionale a parte Umberto Varbaro, pur essendoci tutti i presupposti, non siamo ancora nella condizione di giungere a posizioni di rilievo nelle classifiche che contano.

  1. Scuola Vela.

I numeri di questi 4 anni sono sempre stati alti considerando il nostro bacino di utenza.Una media di 190 ragazzi ogni estate (250 il picco massimo raggiunto nel 2016 che ci è valsa la 10^ posizione tra le Scuole Vela più numerose d'Italia) distribuiti nei 5 corsi da metà Giugno a fine Agosto e i gruppi dei figli dei "Forestali".
Oltre alla collaborazione con il Corpo Forestale (inglobato recentemente dai Carabinieri) che porta ogni anno circa 90 ragazzi a frequentare i nostri corsi, per la prima volta ci siamo affacciati nel mondo delle gite scolastiche degli Istituti Superiori che ogni anno portano alcuni gruppi di studenti a vivacizzare il nostro circolo con impegni nel periodo "morto" della scuola vela (maggio/inizio Giugno/ Settembre).
 
Si è cercato di migliorare l'organizzazione della scuola estiva, concentrando i nostri sforzi su tre aspetti:
- Estetica e funzionalità delle barche per rendere più appetibile il prodotto "Scuola Vela"
- Sicurezza in mare e a terra
- Privilegiare l'utilizzo di barche singole (Optimist) piuttosto che barche collettive, cercando così di ricreare il vivaio da cui attingere per i futuri gruppi agonistici
Attualmente il parco barche della scuola comprende:
- 8 Optimist
- 2 FIV 555
- 1 Marta
- 1 Vaurien (da riparare lo scafo)
- 1 420
- 1 FJ
- 2 Equipe

Lasciamo al nuovo consiglio la possibilità di riflettere su una diversa organizzazione della scuola vela estiva in corsi da 6 giorni invece che da 10, passando da 5 a 10 corsi per estate, garantendo un maggiore introito dalle tasse di iscrizione ai corsi stessi, parallelamente ad un aumento di impegno e stress della segreteria e organizzazione delle varie attività estive.

  1. Rapporti con la FIV e la II^ Zona.

 Purtroppo oltre a rapporti formali discreti, non siamo riusciti a stabilire un rapporto più “confidenziale” con la FIV. Questa è una conseguenza della “non conocenza” dell’universo FIV e di non aver instaurato rapporti interpersonali con alcune figure che più o meno tirano le fila in Federazione.

Con la II^ Zona i rapporti sono decenti ma anche qui l’impressione è di essere fuori dal giro ristretto di chi muove i fili questo nonostante la presenza di due nostri soci all’interno del CdZ.
Dobbiamo pensare a ricostruire rapporti più proficui a tutti i livelli.

  1. Manutenzione sede e attrezzature:

Necessitano revisione e/o interventi:

  • Fognature. Necessario rifacimento ?  Forse impossibile per problemi autorizzativi (R.U., Proprietà) e costi. Di certo per una serie di motivi spesso sono intasate. Non è sufficiente chiedere ai soci di stare attenti a cosa gettano nei water e come vanno usati i lavandini. Interventi di “stasatura” programmati certamente aiuterebbero a non collassare magari nei momenti meno opportuni (vedi cena sociale di quest’anno) ma certo da valutare anche rifacimento parziale.
  • Impianto elettrico e rete dati della segreteria. L'impianto e parzialmente vetusto e necessita di alcuni adeguamenti.
  • Tetto della ex-chiesina. Capitolo legato al rinnovo della concessione ma comunque va affrontato. Gli interventi manutentivi fatti hanno riguardato unicamente la messa in sicurezza, per interventi strutturali ahinoi necessari, dovrà essere interpellata l’Agenzia del Demanio per comprendere se un eventuale rifacimento del tetto è considerato intervento strutturale ordinario o straordinario e di conseguenza a loro carico.
  • Tettoia veranda. Intervento magari non prioritario ma non può essere ignorato sia per funzionalità che per decoro. Un ipotesi potrebbe essere quella di effettuare un intervento “concordato” con chi gestisce il ristoro.
  • Bar – Ristoro. Capitolo spinoso per me e i consiglieri tutti, che da tempo e in maniera più o meno continuativa, riceviamo osservazioni non positive di merito e di “metodo”. Sicuramente dovrà essere affrontato e magari legato alla gestione, manutenzione, pulizia di tutta l’area.
  • Mezzi stradali. Non senza costi, i furgoni sono mantenuti efficienti; il furgone più vecchio ha interventi programmati in carrozzeria (tetto ed altro). I carrelli per trasporto barche: benchè uno nuovo, necessitano di alcune migliorie già individuate.
  • Gommoni e motori: tra furti e rotture abbiamo un parco appena sufficiente; di sicuro sarà un capitolo di spesa per il prossimo consiglio.
  1. Partecipazione alla vita sociale.

Buona risposta alle iniziative istituzionali come cena sociale, serata di musica, teatro, assemblee (un po’ di meno). Se vogliamo, però, che le caratteristiche del circolo rimangano quelle attuali e cioè di una associazione basata sull’impegno dei volontari e strutturata “l’indispensabile”, è necessario un impegno diretto di più persone, bisogna aumentare il bacino di chi si tira su le maniche. Capisco che chi viene in vacanza quindici giorni non ha voglia di “bacarsi” ad affrontare le questioni pratiche e non del circolo, ma ricordiamoci che quando “i soliti noti” si stuferanno anche loro dovremmo cambiare completamente gestione, terziarizzando incarichi, con aumenti considerevoli delle quote sociali, che quasi sicuramente innesterà un circuito vizioso con il numero dei soci. Personalmente, ravvedo in questo un serio rischio per la sopravvivenza del Circolo stesso. Cerchiamo di evitarlo fin da ora aumentando la disponibilità di tempo e non solo, verso il circolo.


Contando su una tua fattiva partecipazione alla vita sociale anche attraverso la partecipazioone alla prossima assemblea elettiva e perchè no, su una tua eventuale candidatura agli organi direttivi del circolo, mi è gradita l'occasione per porgerti un cordiale saluto.

Il Presidente

Manrico MARTELLACCI

 

 

 

SEGUICI SUL SITO UFFICIALE o anche su FACEBOOK 

Powered by Joobi